CAL

Consiglio Autonomie Locali - CAL Basilicata
La Costituzione della Repubblica Italiana all’art. 123 prevede che in ogni Regione lo statuto disciplini il Consiglio delle Autonomie Locali, quale organismo di consultazione degli enti locali.

Nello statuto della Regione Basilicata, al titolo VII “strumenti per il raccordo Istituzionale”, oltre ad essere sancita, con l’art. 78, la nascita del Consiglio delle Autonomie Locali, negli articoli successivi e fino all’art.81, è indicata anche la composizione, le attribuzioni e le modalità per l’acquisizione del parere trasmesso, rimandando al Consiglio Regionale della Basilicata, la definizione degli strumenti da utilizzare.

Tenuto conto che il legislatore ha previsto questo organismo istituzionale per garantire il raccordo con i territori, senza definire le modalità, in quanto dovere delle Autonomie Locali trovare le soluzioni che consentono alle proprie Istituzioni di superare le criticità, nell’alveo della leale collaborazione, per raggiungere obiettivi comuni.

Le Autonomie Locali hanno la necessità di definire le metodologie operative che consentono al proprio Consiglio di essere nella condizione di esercitare compiutamente le funzioni attribuite dal legislatore, rafforzando ulteriormente il legame con il territorio, in quanto sono fornite chiare indicazioni sulle priorità da affrontare.

Tuttavia, i singoli territori devono essere messi nella condizione di poter contribuire allo sviluppo del sistema delle Autonomie Locali, ancora troppo fragile e frammentato, tanto da non riuscire a svolgere compiutamente le funzioni assegnate dalla Repubblica Italiana.

Bisogna, quindi, sopperire alle carenze strutturali, materiali ed immateriali, della struttura pubblica e degli amministratori locali, che ne determinano l’agire, tramite l’introduzione di innovazioni smart click.

Per maggiori informazioni si rimanda alla Linea Guida del Sistema Informativo delle Autonomie Locali - SIAL Anci Basilicata.


Commenti