Eventi meteorologici estremi: fake news, prevenzione e comunicazione corretta

Le previsioni meteorologiche e le conseguenti allerte sono un elemento assolutamente cruciale perché mettono in moto dei provvedimenti che puntano a ridurre il rischio al fine di minimizzare l'esposizione al pericolo in termini di vite umane.  Ma più l'evento estremo si esplica in modo localizzato, e meno è possibile sapere in anticipo dove, che ora si verificherà e con quale intensità; allora diventa ancora più importante, in corso d'evento, la responsabilità dei singoli cittadini. 
L'emissione di un determinato codice di allerta tiene le componenti e le strutture operative del servizio della protezione civile in uno stato particolarmente vigile, in grado di intervenire più rapidamente del solito in soccorso di chi si dovesse trovare in difficoltà.

Ma in luoghi ed in situazioni ritenute pericolose è meglio evitare di trovarsi nelle condizioni di essere quelli che hanno bisogno dei soccorsi. Per cui bisogna pensare ad insegnare alla gente a cogliere i segnali del cielo e del tempo che cambia, a collegarli ai pericoli di una serie di situazioni ed a tradurli in prontezza di scelte e decisioni, a costo di fare delle rinunce, che possono fare letteralmente la differenza fra la vita e la morte. 

E’ necessario innanzitutto una comunicazione espressa con contenuti meteorologici deontologicamente corretti ed una predisposizione da parte della cittadinanza a recepire concetti basilari per poter essere preparati a conoscere quali comportamenti assumere in caso di rischio e quali azioni evitare, puntando l’attenzione ad un maggior rispetto dell’ambiente, cosa che abbatterebbe la percentuale di rischio in caso di eventi calamitosi meteorologici.

Se ne discute il 06 ottobre 2018 a Potenza, nel salone dei congressi al Park Hotel, dalle ore 9.00, modera: Germano Di Leo (Co-Founder Meteo7).

Commenti