MISURE PER CONTRASTARE L'EMIGRAZIONE GIOVANILE e VALORIZZARE I BENI COMUNALI

Il Comune di Potenza è il primo Comune della Basilicata e, probabilmente del Sud Italia, che è riuscito ad attivare le procedure previste dal legislatore, con la Legge n. 123/17, recante disposizioni urgenti per la crescita economica nel Mezzogiorno, per contrastare l’emigrazione giovanile e valorizzare i terreni ed immobili comunali abbandonati, questo il commento del componente del Direttivo Anci Basilicata, Consigliere Provinciale e Consigliere Comunale di Potenza, Fernando Picerno.

Il risultato è stato possibile grazie alla sinergia di due giovani amministratori locali della Basilicata, gli Assessori del Comune di Potenza, Carmen Celi, Attività Produttive e Politiche Giovanili, e Rocco Pergola, Urbanistica, che sono riusciti, avvalendosi del supporto tecnico scientifico dell’Anci Basilicata, ad attivare gli strumenti necessari per consentire al territorio di sfruttare le opportunità disponibili, nel settore di propria competenza.

In questo modo il Comune di Potenza è nella condizione di indicare una soluzione per non precludere ai giovani del territorio la possibilità di un’opportunità, svolgendo compiutamente il ruolo di faro, che il capoluogo della Regione Basilicata deve avere, mentre è stato spesso mortificato in questi ultimi anni.

Soltanto tramite la condivisione di programmi operativi comunali sarà possibile, sia definire quali possono essere gli ambiti in cui il Comune di Potenza ha l’opportunità di riconquistare il ruolo trainante della politica e dell’economia regionale, sia di trovare le soluzioni che consentono di superare le criticità maggiormente assorbite dai cittadini.

Certo, è necessario che la classe dirigente e gli amministratori locali comprendano l’importanza di innovare, di utilizzare le metodologie moderne disponibili, di innescare nuovi modelli di sviluppo locale, che veda i cittadini protagonisti della vita politica e partecipi nella definizione dei programmi comunali prioritari da avviare.

La condivisione dei sistemi e strumenti operativi comunali sviluppati, sperimentati e validati, dall’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani - Anci Basilicata, nel triennio 2015-2017, ha consentito al territorio di Potenza di attivare l’opportunità prevista dal legislatore per valorizzare un terreno o un immobile, pubblico o privato, disponibile.

I Comuni della Basilicata, infatti, possono attivare le procedure previste dal legislatore per dare in concessione (9 + 9 anni) ai giovani, da 18 a 40 anni, terreni o immobili di proprietà abbandonati, a fronte della presentazione di un progetto di valorizzazione.

I giovani (max 35 anni) residenti in Basilicata, ma anche quelli dell’estero che intendono trasferirsi, possono utilizzare la misura Resto al Sud, un finanziamento al 100%, nella misura del 35% a fondo perduto ed il 65% a finanziamento agevolato, fino ad un importo di €50.000,00, che può arrivare a € 200.000,00 con più giovani che condividono un’iniziativa di valorizzazione.

Nella mia qualità di componente della Commissione Regionale dei Lucani all’Estero, provvederò a sensibilizzare anche le Associazioni e le Federazioni di questa opportunità per i giovani lucani che intendono tornare in Basilicata, che possono, tramite l’utilizzo delle moderne tecnologie conoscere i terreni e gli immobili disponibili alla valorizzazione nel Comune di Potenza, consultando le relative sezioni web dello sportello comunale import export potenza.ancibasilicata.it .

Si auspica che anche gli altri Comuni della Basilicata provvedano ad attivare la Banca Comunale dei Terreni e degli Immobili del proprio territorio, disponibili alla valorizzazione, in modo da avviare il censimento regionale del patrimonio inutilizzato dei Comuni della Basilicata.

Bene ha fatto il Comune di Potenza a consentire ai proprietari o delegati di terreni e/o immobili ubicati nel territorio di Potenza di inserire anche il proprio capitale nella Banca Comunale dei Terreni e degli Immobili di Potenza, al fine di consentire ai giovani, ma anche agli ulteriori soggetti interessati, di conoscere quali sono le ulteriori opportunità di valorizzazione disponibili sul territorio comunale.

Infatti, per i terreni e gli immobili di proprietà del Comune, terminata la fase di ricognizione, si dovrà partecipare al Bando pubblico, mentre per quelli privati, è possibile attivare direttamente la procedura per la valorizzazione.

Tenuto conto delle complessità e differenti procedure da attivare, la struttura tecnica dell’Anci Basilicata è a disposizioni degli amministratori locali e dei soggetti che intendono partecipare ai programmi attivati dal Sistema Informativo delle Autonomie Locali – SIAL.

Info: potenza.ancibasilicata.it

Commenti