Giunta Comunale

La stessa metodologia del Consiglio Comunale, trova applicazione anche per il conferimento delle deleghe specifiche assessorili comunali, tuttavia, il contesto politico, dovendo affrontare con difficoltà l’ordinario, non sempre riesce ad individuare e pianificare le riforme interne necessarie.
Infatti, si registra una forte carenza nell’introduzione delle innovazioni, anche da parte delle Giunte Comunali, poiché in molte continuano ad utilizzare esclusivamente le modalità del passato, con inevitabili ripercussioni negative anche nell’erogazione dei servizi ai cittadini.

La struttura pubblica comunale non riesce ad introdurre autonomamente le riforme di cui necessita, pertanto, bisogna definire con urgenza programmi condivisi da attivare con gli addetti ai lavori.

La politica può anche decidere di non tenere conto dell’esigenza di considerare la categoria professionale degli amministratori locali, nelle differenti discipline che sono necessarie alle Istituzioni del territorio.

Tuttavia, ciò non giustifica l’assenza di informazioni specifiche sulle attività svolte, rispetto alle singole deleghe assessorili assegnate, tralasciando che da un lato si mortifica la funzione, dall’altro, si contribuisce a non valorizzare le buone pratiche messe in campo.

Gli amministratori locali comunali, quindi, devono sforzarsi di aprirsi ulteriormente all’esterno e di condividere i programmi, in modo da rendere facilmente accessibili anche tutte le relative opportunità disponibili per la collettività.

Pertanto, bisogna attivare l’Assemblea Regionale degli Assessori Comunali della Basilicata, al fine di introdurre gradualmente i sistemi operativi per superare le criticità prioritarie nei singoli settori delegati. 

In linea di principio generale, si deve considerare ogni delega assessorile attivata, come una disciplina degli amministratori locali.

Commenti