XXXIV Assemblea Annuale ANCI

Il Presidente Adduce porta a conoscenza che la XXXIV assemblea annuale Anci si terrà a Vicenza, viale dell'Oreficeria,16 dall'1...

AI PICCOLI COMUNI BOCCATA D’OSSIGENO DAL FONDO DI SOLIDARIETÀ

“E’ stata raggiunta una importante intesa tra il Ministero delle economia e delle finanze Palazzo Chigi e l’Anci per sullo schema di decreto del ministero dell’interno”. Lo rende noto il presidente dell’Anci Basilicata, Salvatore Adduce. 

“Si tratta – spiega Adduce – del riparto del residuo non utilizzato dall’accantonamento sul Fondo di solidarietà comunale per l’Anno 2014 pari a circa 30 milioni di euro che andranno prevalentemente ai Comuni di minore dimensione demografica come richiesto dall’Anci.

Infatti c’era la necessità di destinare tale somma ai Comuni eccessivamente penalizzati dal riparto del 20% del Fondo di solidarietà comunale basato sui nuovi criteri perequativi (fabbisogni e capacità fiscali standard). I Comuni più colpiti risultavano quelli di minore dimensione demografica la cui tenuta finanziaria, senza un provvedimento ad hoc, sarebbe stata compromessa”.

Nel corso della Conferenza Stato-Città è stato dato anche parere sullo schema di decreto del ministero dell’economia e delle finanze concernente la riduzione degli obiettivi del patto di stabilità interno degli enti locali per l’importo complessivo commisurato agli effetti finanziari determinati dall’applicazione della sanzione per il non rispetto del patto di stabilità nell’anno precedente. 

“Su questo punto, non si procederà all’adozione del decreto – ha detto Adduce - perché le somme disponibili sono state utilizzate con il decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri il 29 settembre scorso”.

Soddisfazione viene espressa oltre che da Adduce anche da Felicetta Lorenzo coordinatore consulta regionale piccoli comuni della Basilicata che tuttavia conferma la debolezza dello schema perequativo, introdotto per la prima volta nel 2015 senza sufficiente approfondimento tecnico e politico. 

L’Anci ha chiesto pertanto che l’aggiornamento dei fabbisogni standard in corso e le necessarie rettifiche delle capacità fiscali, conseguenti alle previste modifiche nei tributi locali, costituiscano l’occasione per colmare le evidenti lacune nelle modalità di applicazione della perequazione.

Nessun commento:

Posta un commento